Beppe, i click e le donazioni: le risposte alle obiezioni (comprese quelle arroganti e fuori luogo di alcuni “grillini”)

AGGIORNAMENTO DEL 12/03/2013 ORE 21.49

RILEVIAMO CON PIACERE CHE A PARTIRE DALLE 17.oo di OGGI IL BANNER DEL BLOG DI GRILLO CHE PUNTAVA ALLA PAGINA DELLE DONAZIONE DEL M5S E’ STATO RIMOSSO.

 

Negare che il banner delle donazioni sulla homepage di beppegrillo.it sia una pubblicità è una “mission impossible” che solo pochi impavidi kamikaze potrebbero affrontare.  Eppure di aspiranti kamikaze grillini se ne sono presentati tanti spesso in maniera maleducata e arrogante . Devo invece ringraziare chi (molti altri grillini inclusi) ha provato a controbattere con spirito costruttivo, educazione e competenza.

Di seguito le principali obiezioni raccolte su questo blog e su altri siti che hanno trattato l’argomento e le relative risposte.  E’ abbastanza evidente che alcune più che obiezioni potrebbero essere definiti deliri e/o sproloqui di chi, quello che ho precedentemente scritto, non si è nemmeno degnato di leggerlo.

1) …Idiota. Il banner delle donazioni non è una pubblicità..

Basta provare: installate AdBlock (uno dei principali programmi che bloccano le pubblicità per navigare indisturbati in Rete). Ecco come vedrete la pagina del blog di Grillo.

Cattura15

Tutte le pubblicità sparite!  TUTTE.

Non ancora convinti? Qui di seguito una slide tratta da un intervento all’ultimo convegno “Seminar Performance Marketing” del 5 marzo organizzato da IAB -Internet Advertising Bureau che non è un baluba qualsiasi ma la principale organizzazione mondiale che si occupa di pubblicità sul web.

Cattura16

La home-page di Grillo viene utilizzata come esempio negativo di eccessivo utilizzo di display adavertising evidenziando gli effetti negativi che questo può generare per gli advertiser (quelli che pagano). Sono fascisti-comunisti-montiani-bersaniani-berlusconiani-antigrillini anche quelli di IAB?

2) …Sei un buffone. E’ un link generato da DFP…non è AdSense…

MA DAVVERO???

DFP: Guarda caso già nel primissimo post (Beccato il “Grillo”: ecco come Beppe guadagna sulle donazioni al M5S) ho detto “…esplorando un po’ meglio il blog si scopre che il link alla pagina delle donazioni al M5S, non è un link proprio normale ma bensì un vero e proprio banner GoogleAds gestito da Doubleclick.net… ”.  DFP per chi non lo sapesse (compreso chi l’ha scritto) sta per Doubleclick For Publisher.

AdSense: Di AdSense ne ho parlato nel post successivo (I grillini cliccano, Grillo incassa e il MS5 paga: dubbi? pochi. certezze? molte. risposte? nessuna.) affermandoCome si vede per entrambi il codice cliente ADsense (ovvero il codice univoco associato a colui che incassa le commissioni su traffico) è identico: ca-pub-3438170472170287 e volendo sottolineare il fatto che tutti gli elementi considerati avessero in comune lo stesso “beneficiario”.  Mai ho affermato che si trattasse di un annuncio AdSense e quindi tutte le ulteriori elucubrazioni del genere “non può essere AdSense perchè Google li pubblica a rotazione” o “non può essere AdSense perchè AdSense non supporta quel formato” sono assolutamente vere ma completamente fuori contesto e inutili. O meglio molto utili a distogliere l’attenzione dalla realtà delle cose.

Ora, dire che Beppe Grillo o chi per lui non stia lucrando sul traffico che genera alla pagina donazioni del M5S solo perchè sta utilizzando DFP e non AdSense è la più grossa cretinata che si possa scrivere. DFP è infatti un AdServer e serve proprio per pubblicare pubblicità come spiega la stessa Google.

Cattura20

fonte:http://www.google.com/intl/it_IT/dfp/info/sb/how_it_works.html

Quindi chi usa DFP lo fa per ottimizzare le pubblicità sul proprio sito e/o proprio per ovviare ai limiti di AdSense in termini di dimensioni e rotazione degli annunci (proprio come nel caso del banner donazioni).

Mi sembra quindi abbastanza naturale che se Grillo ne fa un utilizzo diverso sia lui a doverlo dimostrare pubblicando il fantomatico elenco delle spese del movimento che ad oggi continuano essere ferme a “ZERO” nonostante oltre 567.000 Euro di fondi raccolti (http://www.beppegrillo.it/movimento/donazioni/) .

NB. Molti dei kamikaze hanno postato i loro sproloqui su altri siti. Ringrazio tutti coloro che gli hanno controbattuto in maniera puntuale (in particolare Lorenzo D. di Milano per i suoi preziosi contributi).

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in click sospetti e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Beppe, i click e le donazioni: le risposte alle obiezioni (comprese quelle arroganti e fuori luogo di alcuni “grillini”)

  1. Ciao Walter, ti ringrazio per aver pubblicato questo articolo che va nella direzione del chiarimento.

    A questo punto resta da dimostrare che è un link a pagamento, affiliazione o altro strumento.

    Quindi, come tu dici POTREBBE trattarsi di pubblicità a pagamento (il M5S paga Google – questo si diceva nella versione iniziale – che a sua volta dà parte dei soldi a Grillo/Casaleggio).

    Ma è ancora da dimostrare.

    • WW(w) ha detto:

      Lorenzo.. sai bene che dimostrarlo non è possibile, anche se tutti gli indizi sulla struttura del codice fanno pensare ad una annuncio gestito con DFA.
      Sai altrettanto bene che è altamente probabile che si tratti di un annuncio a pagamento anche perchè si tratterebbe dell’unico annuncio gestito con DFP in tutto il sito a non esserlo mentre al contempo altri link verso il M5S sono gestiti come puri. Però proprio nell’ottica di trasparenza e visto che il dubbio è particolarmente inquietante direi che è proprio arrivato il momento che le spese del movimento vengano pubblicate.

  2. Pingback: Cronistoria del Movimento cinque stelle | / ca gi zero /

  3. Pingback: Cronistoria del Movimento cinque stelle – / ca gi zero / | Il neurone proteso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...