Ma quanto guadagna Grillo col suo blog?

La premessa d’obbligo è che l’unico che potrebbe darci una risposta certa è proprio Grillo.

Tuttavia da un paio di settimane un gruppo di giovani ricercatori sta lavorando ad una valutazione attendibile confrontando le stime di oltre 50 tool di valutazione del web con i dati reali di fatturato di 10 siti italiani che si sono gentilmente prestati all’esperimento.

Ma andiamo per gradi.

Inanzitutto è necessario chiarire l’intera economia dei blog si basa su una principale fonte di ricavi che è la pubblicità, e che la capacità di un blog di attrarre guadagni basati sulla pubblicità è strettamente correlata al traffico ovvero al numero di visitatori che il blog è in grado di generare e dalla frequenza con cui tali visitatori accedono alle pagine del blog stesso.

Partiamo quindi dal traffico. Considerando che il blog di Grillo è di fatto l’organo ufficiale del M5S e che addirittura tutte le pagine del Movimento sono ospitate sotto il dominio beppegrillo.it, è abbastanza facile ipotizzare che il traffico generato sia notevole e in forte crescita.

I problemi però iniziano già qui: sul web infatti non è possibile sapere con certezza il traffico di un sito/blog. L’unico a possedere tale dato è il proprietario del sito/blog (oltre che ovviamente le piattaforme con Google Analytics che permettono di gestire tale contabilità e che però sono tenuti contrattualmente a non divulgarla).

Ancora più arduo è poi stimare quanto questo traffico si converta in ricavi ovvero sostanzialmente in click sugli annunci pubblicitari che il blog ospita.

In fondo il problema non è tanto più complesso di quello di valutare gli incassi giornalieri di bar. O misuro puntualmente i caffè venduti appostandomi fuori dal bar (cosa che sul web non è possibile fare), o ho accesso ai libri contabili del bar (e per ora Grillo non ce li ha ancora mostrati e forse legittimamente non ce li mostrerà mai) oppure ragiono per stime utilizzando dati a cui ho accesso. Luogo in cui il bar si trova, fatturato medio dei bar nella stessa zona o in zone limitrofe che hanno reso visibile la propria contabilità, ricerche di mercato etc etc.

Questo è l’approccio che utilizzano su Internet le centinaia di società che offrono, spesso gratuitamente, dei tool di valutazione dei siti. Anche qui però difficile dire a priori che offra le stime più attendibili. Ad esempio le stime Alexa (già citata in un mio precedente post) pur essendo potenzialmente affidabili (per l’enorme quantità di dati che Alexa ha a disposizione) sono da molti considerate sovradimensionate soprattutto per il mercato italiano.

Ecco allora che l’unico approccio che risulti affidabile è quello di comparare una ampio campione di stime con dati reali di altri siti ed individuare in tal modo le stime più realistiche.

In altre parole:

So che il sito x genera 100€ di fatturato pubblicitario e devo stimare quanto generi il sito y.

Il tool A stima che il sito x genera 20€ e il sito y 40€. Ne derivo che il tool A stimi con un errore per difetto del 75%

Il tool B stima che il sito x genera 150€ e il sito y 300€. Ne derivo che il tool B stimi con un errore per eccesso del 50%

e così via.

Non è un lavoro semplice dove è necessario disporre di campioni significativi e soprattutto pesare con cura i fattori che possano influire sugli errori dei singoli tool (ad esempio il Tool A valuta per difetto il sito x perchè non ha considerato uno o più parametri di valutazione).

Come detto però è un lavoro di cui però si sta occupando con entusiasmo da un paio di settimane un gruppo di giovani ricercatori che a breve pubblicheranno un rapporto dettagliato sul tema.

Per il momento avendo visionato i dati grezzi finora elaborati la stima è che il blog di Grillo ha generato nella prima settimana di Marzo 2013 un fatturato pubblicitario compreso tra  i 900€ e i 2000€ al giorno con una proiezione compresa tra i 300.000€ e i 740.000€ annui. E’ una forbice molto ampia, che necessità di raffinamenti e controlli soprattutto per quanto riguarda il limite superiore.

La stima del Sole24Ore e di altri osservatori verrebbe comunque largamente ridimensionata, tuttavia, visto lo stato embrionale della ricerca citata, potrebbero esserci alcune rilevanti sorpese…

Infine va sottolineato che ovviamente la stima non include tutti gli altri eventuali ricavi legati al merchandising, alla vendita dei libri, alle interviste e ai profili che quotidianamente il blog di Grillo ottiene per effetto delle registrazioni al sito.

Quest’ultimo tema in particolare è meritevole di ulteriori approfondimenti soprattutto dopo aver letto la privacy policy che regola le registrazioni (http://www.beppegrillo.it/privacy.html) ed in particolare questi due brevi estratti:

Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese
quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie…

Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre
il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in beppegrillo e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Ma quanto guadagna Grillo col suo blog?

  1. Pingback: Studiare il passato per comprendere l’attualità: la storia di beppegrillo.it | walterGATE

  2. valekoz@virgilio.it ha detto:

    per quella cifra ipotizzata , Grillo aveva , da buon genovese, già da tempo,chiuso baracche e burattini;
    penso che sia , ancor prima di un movimento politico,l’organizzazione(Casaleggio e & docet) di un grande businnes.
    E non andatemi a dire (grillini) che lo farebbero tutti, che non ruba niente a nessuno,..etc etc.. sono sempre soldi nostri,che andrebbero redistribuiti in maniera diversa.
    Quando comincerà la vendita di senatori e deputati grillini al miglior offerente…forse comprenderete.

  3. renato ha detto:

    ma pagano le tasse su questi milioni che incassano o vanno tutti off schore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...